Posts Tagged ‘spese acquisto prima casa’

PostHeaderIcon Il Rogito Notarile nell’Acquisto Prima Casa

Cos’è il rogito notarile per la compravendita di una casa?

Il rogito notarile (o atto notarile) è la definizione che viene data all’atto redatto dal notaio. (la parola “rogito” deriva dal latino medioevale e deriva dal verbo “rogare” che è sinonimo di “chiedere”). Esso è il contratto definitivo che sancisce il trasferimento della proprietà dal compratore al venditore, viene redatto con le prescritte formalità e fa da prova legale dei fatti avvenuti.

Quale forma di tutela garantisce l’atto notarile?

Solo dopo che verrà redatto l’atto notarile per l’acquisto casa chi compra sarà tutelato da eventuali pretese di altre persone sul bene immobile e solamente tramite l’atto stesso potrai, come compratore, avere la certezza che chi ti sta vendendo la casa sia effettivamente e senza dubbi il proprietario dell’abitazione.

Chi sceglie il notaio?

Vista l’importanza della funzione che svolge e a causa del fatto che chi si trova in una posizione più delicata è il compratore che sta per elargire una somma elevata al venditore, di solito è chi acquista a scegliere a quale notaio affidarsi. La scelta tra un notaio e un altro può incidere in maniera differente nelle spese notarili perchè professionisti diversi hanno costi diversi, e questa è un’altra delle ragioni per cui di norma è l’acquirente a scegliere il notaio, in quanto l’obiettivo è di minimizzare le spese che dovrà sostenere chi compra.

Chi paga le spese notarili?

Come detto, a meno che non venga deciso diversamente (nel caso in cui ad esempio il venditore si offra a coprire i costi di chiusura e quindi anche le spese di notaio) è il compratore che dovrà sostenere le spese per il notaio.

Come avviene nei particolari il rogito notarile nell’acquisto casa?

Quando viene redatto l’atto il notaio ha l’obbligo di leggere e spiegare in modo completo ciò che è scritto nel contratto e, inoltre, dare consigli in maniera imparziale e trasparente su quelli che sono gli aspetti legali connessi all’atto stipulato.

Per quanto riguarda poi l’atto notarile che riguarda l’acquisto di una casa, il notaio deve verificare che il venditore sia effettivamente il pieno proprietario dell’immobile e che tutto sia a posto.

Il notaio è responsabile e risponde in prima persona nel caso vengano commessi degli errori nell’identificazione delle parti o dell’immobile in compravendita o nel caso esistano dei vincoli sulla casa anche se non sono stati dichiarati dal venditore.

Per questo il notaio, o un suo collaboratore che ha i titoli per farlo, nel caso di una compravendita di un immobile dovrà recarsi presso i registri immobiliari e informarsi su quella che è la storia dell’immobile in modo da essere certo che lo stesso possa essere venduto senza pesi o vincoli. Il notaio poi farà altre verifiche al catasto in primis per accertarsi che l’mmobile sia registrato nelle mappe catastali.

Dopodichè il notaio procederà alla stipulazione dell’atto per la compravendita dell’immobile (in genere questa operazione richiede circa dieci giorni lavorativi).

A questo punto verrà decisa la data per la stipula del contratto nella quale vengono anche solitamente consegnate le chiavi al compratore. Questo avviene però solo dopo che il compratore abbia corrisposto la cifra pattuita per l’immobile al venditore. Il compratore dovrà inoltre corrispondere al notaio il suo onorario più il denaro necessario a coprire i costi e le tasse e le altre spese.

Il compratore e il venditore dovranno portare con sé una fotocopia di un documento di identità, del codice fiscale e i documenti relativi allo stato civile. Quest’ultimo dovrà inoltre esibire i documenti relativi alla proprietà del bene e altri che il notaio gli indicherà di portare con sé. Il contratto originale rimarrà poi al notaio che lo custodirà, mentre al compratore e al venditore verrà fornita una copia dello stesso.

E’ necessario inoltre che alla firma del contratto notarile siano presenti sia il compratore che il venditore e almeno due testimoni. (in alcuni casi e in comune accordo è possibile omettere la presenza dei testimoni stessi). La presenza dei testimoni è comunque molto importante perchè essendo l’atto notarile un atto pubblico viene espressamente chiesto al notaio che si avvalga di persone di fiducia.

Altri obblighi da parte del notaio nel rogito notarile

Il notaio è inoltre tenuto per legge ad avere un atteggiamento imparziale nei confronti delle parti e per questo, non può ad esempio tacere l’esistenza di un’ipoteca su un immobile o includere clausole svantaggiose per una delle parti senza assicurarsi che la stessa abbia compreso appieno quello che sta andando a firmare.

Il notaio è anche obbligato a consegnare una bozza degli atti prima del giorno stabilito per il rogito. In questo modo le parti potranno esse stesse o tramite un consulente, controllare la regolarità di quanto stabilito nel contratto notarile e che esso rappresenti la loro volontà.